Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.anpisezionecomo.net/home/plugins/content/itpsocialbuttons/itpsocialbuttons.php on line 43

Riposta all'editoriale comparso su La Provincia di Como il 16/07/2017

Ringraziamo il direttore de La Provincia di Como Sig. Minonzio per aver espresso così chiaramente il suo punto di vista su fascismo e neofascismo nell’editoriale comparso domenica scorsa 16 luglio.
Ci permetterà ora di esprimere le nostre ragioni, una su tutte: il fascismo e i neofascisti di oggi sono l'esatto contrario di tutto ciò che è scritto nella carta fondamentale del nostro paese, la Costituzione.
Riteniamo profondamente sbagliato sottovalutare e ridicolizzare i fenomeni neofascisti riconducendoli a semplice goliardata. Che possa accadere una cosa simile è inaccettabile in un paese che a causa del fascismo ha subito migliaia di morti, persecuzioni, deportazioni e una guerra devastante.
Dispiace inoltre che il direttore Sig. Minonzio la voglia gettare in rissa da tribuna politica, tirando in ballo la sinistra e il Partito comunista, quando invece qui ci sono di mezzo i valori fondamentali della Repubblica italiana e le regole democratiche che come popolo ci siamo dati per la convivenza civile.

Secondo il direttore Sig. Minonzio non si dovrebbe più parlare di fascismo e non si dovrebbe avere neppure il coraggio di parlare di neofascismo, di neonazismo e della loro grave diffusione tra le giovani generazioni.
Eppure registriamo e denunciamo con grave preoccupazione un’escalation di azioni più o meno gravi, anche nella nostra provincia, perpetrate da movimenti, tifoserie sportive o fantomatiche associazioni culturali che si richiamano più o meno apertamente al fascismo o al nazismo: ricordiamo il blitz di Casapound nella sede del consiglio comunale di Milano o sulle spiagge di Ostia, per non parlare delle tante manifestazioni avvenute in Italia che inneggiano a Hitler e delle azioni intimidatorie, alcune anche violente, con evidenti connotazioni di razzismo, autoritarismo, omofobia e xenofobia.
Senza dimenticare le oltre cinquecento pagine sui social network che inneggiano al fascismo.

Non pensiamo certo che con una legge si risolvano questi problemi, perché ci vuole una coscienza collettiva antifascista che si deve continuare a coltivare e valorizzare nei cittadini, soprattutto nelle scuole.
Questa proposta di legge a firma Emanuele Fiano che introduce il reato di propaganda del regime fascista e nazista anche sul web (a dire il vero le leggi ci sono già, vedi le cosiddette leggi Scelba e Mancino) crediamo vada nella direzione giusta.
Sicuramente le Istituzioni repubblicane devono applicare queste leggi, iniziando una volte per tutte a contrastare concretamente questi fenomeni che minacciano la democrazia.
Eppure il direttore Sig. Minonzio sostiene che queste leggi siano liberticide. Non esiste a nostro avviso insensatezza più grande di questa affermazione.
Sono proprio i neofascisti, a cui il Sig. Minonzio vorrebbe lasciare il diritto di parola, coloro che disprezzano i principi e le regole democratiche e non riconoscono i valori fondanti di questa Repubblica, nata dalla lotta di Liberazione al nazifascismo, fatto che ricordiamo è avvenuto poco più di 70 anni fa e che è alla base della nostra identità nazionale.

Anpi sezione di Como "Perugino Perugini"

Qui di seguito il link per leggere l'editoriale comparso su La Provincia di Como: 
www.laprovinciadicomo.it/stories/Editoriali/il-fascismo-macchietta-tra-bagnino-pirla-e-furbi_1243356_11/

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter

Informazioni aggiuntive